venerdì 6 luglio 2012

Lady Gaga partorisce il suo primo profumo

Pubblicato da Eva Black a 07:17
Si chiamerà "Fame" e sarà completamente nero



Ormai non è novella notizia che anche le star si dilettano nel mondo della moda e della cosmesi,l’ultima,in ordine cronologico è proprio la camaleontica Lady Gaga che non riuscendo a desistere ha lanciato il suo primo profumo.
In uscita il prossimo settembre 2012 il profumo ha già milioni di pretendenti. Il packaging si presenta con un classico colore nero e la particolarità della fragranza è che,anche la soluzione liquida sarà di colore nero che al contatto con la pelle diventerà incolore.
A dare l’annuncio della nascita è stata la stessa miss Germanotta che su Twitter ha postato la locandina ufficiale del profumo con tanto di foto del profumo stesso per poi aggiungere :




“Ed eccolo! La prima foto ufficiale del mio profumo, Si chiama FAME. The First Ever Black Eau De Parfum”


Come si legge nel comunicato stampa il profumo di Lady Gaga sarà differente dai classici profumi che ci propinano le altre star che genericamente hanno una composizione a struttura piramidale con le note di testa,di cuore e di base… quello della Germanotta sarà tutto personale,con una struttura chiamata “push-pull tecnologia” dove gli ingredienti interagiscono tra di loro senza rispettare alcuna gerarchia. Un’orgia di profumi insomma…
 Il profumo,inoltre,presenta tre componenti principali:leggero, dark e sensuale. Quello leggero è ispirato ai fiori dell’orchidea tigre e del gelsomino Sambac,quello dark è ispirato a Belladonna, pianta usata per i suoi poteri mortali nell’18esimo secolo,mente quello sensuale si evolve grazie al miele, lo zafferano e l’albicocca.
Morale: le premesse per un ottimo profumo ci sono tutte,il packaging e la composizione non si possono giudicare certo standard… a questo punto siamo curiosi di vedere se il profumo di Lady Gaga entrerà nella gold-list dei profumi più cool delle star.


Eva Black

0 commenti:

Posta un commento

 

Il Sapore di Eva Copyright © 2012 Design by Antonia Sundrani Vinte e poucos